• bg
    MARE

Le Biblioteche storiche

Ordina secondo la successione temporale che immagini

Luoghi d'arte

Ancona - Biblioteca Benincasa

Ancona
Luoghi d'arte

Ascoli Piceno - Biblioteca Gabrielli

Ascoli Piceno
Luoghi d'arte

Camerino - Biblioteca Valentiniana

Camerino
Luoghi d'arte

Fano- Biblioteca Federiciana

Fano
Luoghi d'arte

Fano - Mediateca Montanari

Fano
Luoghi d'arte

Fermo-Biblioteca Spezioli

Fermo
Luoghi d'arte

Fossombrone- Biblioteca Passionei

Fossombrone
Luoghi d'arte

Jesi- Biblioteca Planettiana

Jesi
Luoghi d'arte

Macerata- Biblioteca Mozzi

Macerata
Luoghi d'arte

Majolati Spontini ( Località Moie)- Biblioteca La Fornace

Maiolati Spontini
Luoghi d'arte

Monsampolo del Tronto- Biblioteca Tomistica di S. Alessio

Monsampolo del Tronto
Luoghi d'arte

Monteprandone: Biblioteca San Giacomo della Marca

Monteprandone
Luoghi d'arte

Pesaro- Biblioteca San Giovanni

Pesaro
Luoghi d'arte

Recanati- Biblioteca Leopardi

Recanati
Luoghi d'arte

Recanati: Biblioteca Benedettucci

Recanati
Luoghi d'arte

Senigallia: Biblioteca Antonelliana

Senigallia
Luoghi d'arte

Serra Sant'Abbondio- Biblioteca di Fonte Avellana

Serra Sant'Abbondio
Luoghi d'arte

Biblioteca Ubaldini - Urbania

Urbania
Luoghi d'arte

Urbino: Biblioteca Albani

Urbino
Molte delle 326 biblioteche delle Marche sono ubicate in edifici storici che hanno consentito l’evoluzione architettonica, artistica e decorativa della città. Esse nascono quasi tutte da donazioni di famiglie dell’antica aristocrazia terriera e mercantile oppure si sviluppano da importanti biblioteche private costituite da ecclesiastici, ordini religiosi e professionisti (medici, giuristi, professori) legati alle Università o alle Accademie. 
 
La Biblioteca di Fonte Avellana a Serra Sant’Abbondio, ad esempio, è nata con il monastero (980) e trova la sua prima sede nello Scriptorium. E’ divisa in scomparti per materia e contiene libri dal secolo XV. Di particolare pregio è la Biblioteca Oliveriana di Pesaro che conserva numerose pergamene e migliaia di opere a stampa e manoscritti di alto valore e significato. A Jesi, nel rinascimentale Palazzo della Signoria, opera di Francesco di Giorgio Martini, è collocata la Biblioteca comunale Planettiana che custodisce numerosi fondi antichi e moderni con oltre 11.000 volumi e l’archivio storico comunale.
La Biblioteca di Monaldo Leopardi di Recanati accoglie più di 20.000 volumi per la maggior parte raccolti ed ordinati da Monaldo, padre di Giacomo. La collocazione dei volumi e dei ricordi è rimasta inalterata dal tempo della sua costituzione.
La Biblioteca Mozzi Borgetti di Macerata, sorta nel 1773 nei locali della soppressa sede del Collegio della compagnia del Gesù, ha ereditato la biblioteca gesuitica e molti altri fondi. Attualmente è dotata di circa 350.000 volumi, oltre 10.000 manoscritti, 300 incunaboli e più di 4.000 edizioni del secolo XVI. A Fermo nel 1688, fu costruitala Biblioteca Romolo Spezioli, medico personale della regina Maria Cristina di Svezia, alla corte di Roma, mentre la Biblioteca Giulio Gabrielli di Ascoli Piceno (1849), si accrebbe specialmente con i fondi archivistici e librari delle soppresse corporazioni religiose (1861 – 1866) e attraverso lasciti.
 
Scoprite anche le biblioteche e librerie storiche che oggi offrono molteplici possibilità di lettura: da una fruizione "museale", mirata ad ambienti, arredi antichi, volumi di particolare pregio decorativo, fondi cosiddetti speciali - manoscritti, stampe, documenti d’archivio – ad una indagine sulla formazione del patrimonio bibliotecario. Alcune biblioteche rappresentano poi organismi aperti e in continua evoluzione; ricche di libri moderni e dotate di attrezzature multimediali, sono importanti centri di formazione e aggiornamento, comprendendo vasti campi d’interesse, come quelle di Pesaro e Moie di Maiolati Spontini.

Inserisci il nome del tuo itinerario

Per salvare il tuo itinerario è necessario registrarti o loggarti(se sei giá registrato).

Salvando l'itinerario potrai consultarlo successivamente e potrai utilizzarlo come guida quando inizierai la tua visita nelle Marche